Immagine articolo per Infedeltà coniugale: basta un selfie con l’amante?

Infedeltà coniugale: basta un selfie con l’amante?

Una relazione per poter andare avanti necessita di una serie di elementi, il solo amore non basta, lo si impara da subitissimo. Qualunque sia il sentimento che lega due persone o il motivo che porta il rapporto a crescere e andare avanti è solo il senso di reciprocità. Senza la reciprocità, la relazione comincia a […]

Una relazione per poter andare avanti necessita di una serie di elementi, il solo amore non basta, lo si impara da subitissimo. Qualunque sia il sentimento che lega due persone o il motivo che porta il rapporto a crescere e andare avanti è solo il senso di reciprocità. Senza la reciprocità, la relazione comincia a sfilacciarsi fino a giungere anche ad esiti negativi. Esistono diversi motivi per cui una storia può finire, a volte non si riesce a conservare il proprio equilibrio e la coppia esplode. Ma cosa succede se uno dei due sospetta ci sia infedeltà coniugale da parte dell’altro? Un selfie con l’amante può essere un motivo per addebitare la separazione?

L’infedeltà coniugale 

L’infedeltà coniugale è una delle possibili cause di violazione dei doveri matrimoniali, indicati dall’articolo 143 del codice civile. L’infedeltà, però, non comporta automaticamente la “separazione per colpa” del coniuge. Il giudice, infatti, per ritenere l’infedeltà coniugale, motivo di “addebito” della separazione, deve attestare che il tradimento è la causa diretta della fine del matrimonio, cioè se a causa di esso diventa intollerabile la convivenza tra i due o se è violato un diritto fondamentale dell’altro coniuge. Per “infedeltà coniugale” non si intende, infatti, solo il tradimento sessuale, ma qualunque comportamento del partner che possa ledere la fiducia, la lealtà, la fedeltà nella coppia, tale da non consentire più un normale svolgimento della vita insieme, e che determini una violazione della dignità dell’altro. Se la crisi coniugale esisteva già prima del tradimento o dell’infedeltà e la convivenza tra i due era solo “formale”, “il giudice può anche escludere l’addebito”.

Il selfie con l’amante può essere una causa di addebito?

Qualche mese fa, i giudici della Corte d’Appello dell’Aquila, con una sentenza hanno evidenziato come un selfie con una persona diversa dal coniuge o una foto del presunto amante a dorso nudo sul letto della moglie (come nel caso esaminato dalla Corte), non siano prove inconfutabili di infedeltà coniugale. Le foto mostrate durante la causa di separazione, infatti, secondo i giudici, non indicano “alcun atteggiamento intimo e di particolare vicinanza” e possono avere anche significati alternativi e differenti, pertanto, non sono sufficienti a dimostrare il tradimento o una violazione dei doveri coniugali da parte della moglie e di conseguenza tali da stabilire un “addebito” della separazione.

Il coniuge che richiede “l’addebito” della separazione deve provare che la violazione del dovere di fedeltà dell’altro coniuge ha reso impossibile la prosecuzione della convivenza e che è l’unico motivo che ha determinato la fine del matrimonio. È necessario ricordare che controllare la corrispondenza o cercare le prove dell’infedeltà in tutte le chat di comunicazione istantanea potrebbe violare il diritto alla privacy di un individuo, che non viene meno neanche quando una coppia è sposata, e che in alcuni casi può anche comportare il configurarsi di un reato.

Se il partner, oltre ad aver tradito, ha anche leso in modo irreparabile la dignità, la salute, la rispettabilità e la reputazione dell’altro, può anche essere obbligato a risarcire i danni procurati all’ex.

In una causa di separazione, quando il giudice deve valutare anche la richiesta di “addebito” analizza la situazione familiare nel suo complesso e il comportamento di entrambi i coniugi. Se ritiene i due responsabili di aver reso intollerabile la convivenza può addebitare la separazione ad entrambi o a nessuno, se entrambi hanno violato i doveri coniugali. Spesso il tradimento è solo il concretizzarsi di problemi o dolori che si finge di non vedere, a volte la separazione è l’unica scelta possibile, altre no, devi solo fidarti del tuo partner o del tuo istinto.