Immagine articolo per Spese condominiali: a chi spettano dopo la separazione?

Spese condominiali: a chi spettano dopo la separazione?

Chi deve pagare le spese dopo la separazione? Anche le spese condominiali possono essere divise tra gli ex coniugi.

Quando una coppia si separa prova a dividersi tutto, dall’arredamento della casa, ai regali di nozze, al tempo con i propri figli. Ma come ci si divide la casa? E cosa succede se la casa è assegnata a uno solo dei due coniugi? Chi paga le spese?

Nessun problema: con la separazione anche le spese condominiali possono essere ripartite.

La regola generale

Nel caso in cui l’assegnatario della casa non sia il proprietario, la suddivisione delle spese condominiali è di solito effettuata secondo la regola generale tra un inquilino e un proprietario di casa. Il coniuge a cui è assegnata la casa familiare, così come un normale inquilino, deve occuparsi di tutte le spese “ordinarie”, cioè legate al semplice utilizzo dell’abitazione, che comprendono: manutenzione ordinaria, spese dell’amministrazione, utenze, riscaldamento centralizzato, manutenzione ascensore, tassa rifiuti, pulizia scale, spese per giardino condominiale. Il proprietario, invece, paga le spese straordinarie (ristrutturazione palazzo, sostituzione caldaia, impianto video citofono da installare…).

Casi particolari

Quando nella coppia entrambi sono proprietari della casa familiare le spese straordinarie saranno divise in base alla quota di proprietà di ciascun consorte sull’abitazione. Se sono entrambi proprietari per metà, ciascun coniuge sarà “solidalmente obbligato”, cioè si farà carico insieme all’altro del 50% della somma dovuta.

Se, invece, il proprietario è lo stesso coniuge a cui il giudice ha assegnato l’abitazione, le spese condominiali sono a suo carico ed eventualmente potrà solo chiedere al giudice di tenerne conto quando stabilisce il mantenimento per i figli.

Queste regole sulle ripartizioni delle spese condominiali tra separati si applicano quando il giudice non ha stabilito indicazioni diverse nell’udienza in cui assegna la casa, o quando i coniugi non hanno deciso in comune accordo come gestire le spese condivise.

Per ogni problema esiste sempre almeno una soluzione, la migliore è quella di un accordo con il proprio partner. Una comunicazione positiva aiuta a superare anche la nuova vita da separati.